Processo di equilibratura a bassa velocità su BVI-03-10T

L’equilibratrice BVI-03-10T esegue l’equilibratura a bassa velocità dei componenti del gruppo rotore del turbocompressore. Questo processo consiste in due fasi:

  • bilanciamento dell'”albero del turbocompressore”;
  • per bilanciare lo stesso albero insieme alle parti del gruppo ruota e rotore del compressore.

I piani di correzione nella prima fase di bilanciamento e nella seconda fase di bilanciamento sono indicati con numeri romani.

Si noti che alcune macchine a basso costo non sono in grado di eseguire tecnicamente il secondo passaggio. Questo perché nella seconda fase il centro di massa si troverà a destra, all’esterno dei supporti. Inoltre, i piani di correzione saranno a sinistra all’esterno dei supporti. BVI-03-10T è stato progettato appositamente per risolvere questo problema.

Preparazione

Pulizia

Prima di iniziare l’equilibratura a bassa velocità, si esegue una piccola preparazione che consiste nel pulire le parti da equilibrare e nel tracciare un segno di contrasto sulla superficie della “pala della turbina”. Inoltre, l'”albero del turbocompressore” viene pesato se l’operatore della macchina non conosce lo squilibrio residuo ammissibile del rotore. Per regolare il sistema di bilanciamento, sono necessarie informazioni sul peso dell'”albero” e sui diametri della “ruota della turbina”.

La prima cosa da fare prima di regolare la macchina è preparare le superfici di supporto del prisma su cui verrà montato l'”albero del turbocompressore” per l’equilibratura. A tal fine, è necessario pulire le superfici dei cuscinetti. Se ci sono segni di usura, è necessario rimuoverli con un coltello da carta o un normale coltello. Quanto migliore è l’appoggio del prisma sulla superficie, tanto minori saranno gli errori di bilanciamento. È importante notare che non devono essere presenti particelle abrasive nell’area di contatto tra i perni del rotore e i prismi. Ciò può causare l’usura delle superfici dei cuscinetti dell’albero.

Impostazione della macchina

La messa a punto della macchina comporta la regolazione della posizione dei supporti rispetto al letto, la regolazione dell’altezza dei prismi. Inoltre, è possibile impostare il “sensore di velocità” nella posizione desiderata rispetto alle marcature di contrasto sulla superficie dell’albero. È inoltre importante regolare correttamente la forza di tensionamento del nastro. Trasmette il movimento rotatorio dal motore della macchina al pezzo in lavorazione. In questo caso, è necessario determinare la “media aurea” per eliminare la possibilità di slittamento della cinghia e di sovratensionamento, perché in questo caso si verificano errori che influiscono sulla qualità dell’equilibratura.

La regolazione dell’altezza del prisma viene eseguita con il rotore installato e in movimento. Come in questo caso, è possibile centrare il rotore, tenendo conto delle proprietà aerodinamiche del prodotto da bilanciare. Per agevolare questa operazione, è necessario liberare le mani dell’operatore. Per questo motivo, l’avvio e l’arresto della rotazione del motore possono essere effettuati non solo tramite i pulsanti del pannello di controllo. Ma anche utilizzando il pedale in dotazione alla macchina.

Impostazione del sistema di bilanciamento

Esecuzione di test

Il primo passo per l’impostazione del sistema di bilanciamento è l’inserimento delle informazioni sulla massa del rotore e del peso di prova. Successivamente, inserire i raggi con cui sarà posizionato sui piani di correzione. Queste informazioni saranno utilizzate dall’unità di calcolo per calcolare l’entità e la posizione della massa del rotore sbilanciata.

Per regolare il sistema di bilanciamento sono necessari tre giri di prova del rotore.

  1. Il primo avviamento viene effettuato senza peso di prova. Di solito a questo punto viene regolata la velocità dell’albero del turbocompressore. Inoltre, l’unità di calcolo riceve informazioni primarie dai sensori di vibrazione e dal sensore di velocità. Inoltre, confrontando queste informazioni con quelle che saranno ricevute alle due partenze successive. L’unità di calcolo, utilizzando algoritmi complessi, può calcolare la massa e la posizione della massa sbilanciata.
  2. Un secondo lancio viene eseguito con un peso di prova installato (a un raggio precedentemente specificato) nel punto “0” del primo piano di correzione. Il punto in cui viene collocato il peso sarà l’origine delle coordinate per la determinazione della posizione angolare di squilibrio.
  3. Infine, il terzo avvio si svolge nello stesso modo del secondo avvio. Solo che il “peso di prova” è posizionato nella stessa posizione angolare solo sul secondo piano di correzione. Il raggio del carico può essere diverso. Dopo la calibrazione del sistema di bilanciamento, il “peso di prova” deve essere rimosso dalla superficie del rotore.

Il processo di equilibratura dell'”albero del turbocompressore” consiste nel rimuovere il materiale nei due piani di correzione in base alle letture dell'”unità di calcolo”. In questo modo l’operatore della macchina riceverà informazioni precise sulla posizione angolare e sull’entità dello squilibrio.

Dopo il montaggio

La seconda fase di bilanciamento avviene dopo l’assemblaggio delle parti dell’albero del turbocompressore e del gruppo rotore. L’albero, la ruota della turbina, la boccola della tenuta a labirinto e il dado che tiene insieme il gruppo fanno tutti parte del gruppo rotore. L’equilibratura viene eseguita come per l’equilibratura dell’albero del turbocompressore. In questo caso, però, viene bilanciata solo la ruota del compressore. Poiché l’albero del turbocompressore è già stato equilibrato nella fase precedente. A questo punto, non viene rimosso alcun metallo dall’albero. E tutto il metallo necessario viene rimosso dalla ruota del compressore.

Si noti inoltre che quando si rimuove il metallo, non si deve segare nulla dalle superfici delle lame. Non possono nemmeno essere accorciate o modificare la forma di una o più lame. Le lame stesse non devono essere segate in alcun modo durante il processo di equilibratura a bassa velocità. Ciò può causare il distacco delle parti adiacenti della lama e la distruzione del turbocompressore.

L’equilibratura a bassa velocità si considera conclusa solo quando lo squilibrio residuo del rotore è stato ridotto ai limiti consentiti. Tutte le parti del gruppo rotore vengono quindi contrassegnate per ricordare la posizione angolare di tutti gli elementi rispetto all'”albero del turbocompressore”. In questo modo, al momento del montaggio nell’alloggiamento, sarete sicuri di assemblare tutto secondo i segni.


Potresti essere interessato anche a: