Attrezzatura di bilanciamento

Le apparecchiature di bilanciamento si dividono in due classi principali: quelle che fanno ruotare il pezzo e quelle che non lo fanno.

Si tratta rispettivamente di bilanciatori dinamici e statici.

Un bilanciatore dinamico è noto anche come bilanciatore centrifugo. I bilanciatori dinamici si dividono in due classi distinte: bilanciatori con cuscinetti morbidi e bilanciatori con cuscinetti duri. Questa distinzione viene fatta in base alla rigidità relativa del sistema di misura. Ognuno di essi viene discusso più avanti.
I bilanciatori statici dipendono totalmente dalla forza di gravità per rilevare lo squilibrio. Di conseguenza, sono
sono sensibili solo allo squilibrio statico e non sono assolutamente in grado di rilevare lo squilibrio di coppia. Una dinamica
Per rilevare lo squilibrio di coppia è necessario un bilanciatore con 2 elementi di rilevamento.

BILANCIATORI STATICI

Le apparecchiature di equilibratura statica non fanno ruotare il pezzo e non dipendono dalla forza centrifuga per misurare lo squilibrio.
Il loro funzionamento si basa sulla gravità che genera una forza verso il basso al centro della massa. Il ribasso
La forza fa ruotare o rotolare delicatamente il pezzo fino a quando il centro di massa si trova in basso e nel punto più basso. In questo
In questo modo si identifica la posizione del punto pesante e si possono apportare le dovute correzioni. Questo tipo di bilanciamento è
spesso su strade pianeggianti o su rulli. In genere, con il bilanciamento a livelli, l’importo dello sbilanciamento non viene
noto con precisione e il pezzo viene corretto per tentativi fino a quando il pezzo non ruota più.
Sebbene richieda molto tempo, questo metodo è efficace per ridurre al minimo lo squilibrio statico. È
È possibile misurare l’entità dello squilibrio su un’equilibratrice a raso ruotando il punto pesante di 90° verso l’alto e
misurare il momento o la coppia necessaria per mantenere il punto pesante a 90°. La coppia misurata è
equivalente allo sbilanciamento.

BILANCIATORI DINAMICI

I bilanciatori dinamici si basano sugli effetti della forza centrifuga per rilevare lo squilibrio. Sono in grado di
rilevare tutte le forme di squilibrio: statico, di coppia, dinamico o quasi statico. La distinzione tra soft
e il cuscinetto duro si basano sulla frequenza naturale della sospensione e sulla velocità relativa di
operazione. Quegli equilibratori che operano a velocità inferiori alla frequenza naturale della sospensione (solitamente
meno della metà) sono classificati come duri e quelli che operano a velocità superiori alla frequenza naturale sono
classificati come morbidi (di solito più del doppio).

EQUILIBRATORI DINAMICI PER SOSPENSIONI MORBIDE

I bilanciatori per sospensioni morbide sono anche chiamati bilanciatori per cuscinetti morbidi. L’equilibratore delle sospensioni morbide
opera al di sopra della frequenza di risonanza della sospensione di bilanciamento e misura lo spostamento
associati allo squilibrio. Con questo tipo di bilanciatore il pezzo è libero da forze nel piano orizzontale e
ruota attorno all’asse principale centrale. L’ampiezza delle vibrazioni viene misurata sui punti di appoggio per
determinare l’entità dello squilibrio.

Lo svantaggio più significativo delle sospensioni morbide è la necessità di ricalibrare per ogni singola sospensione.
parte. Le uscite dei cuscinetti di destra e di sinistra sono fortemente influenzate dal peso totale del pezzo e dal suo peso.
distribuzione di massa. La calibrazione richiede che i pesi siano collocati alternativamente nella correzione destra e in quella sinistra.
piani. Ogni peso provoca normalmente vibrazioni su entrambi i supporti. Il rapporto tra le ampiezze può essere utilizzato per
quantificare la diafonia tra i piani o la loro indipendenza. Questo è noto come piano di correzione
rapporto di interferenza o separazione dei piani. È possibile ottenere separazioni di piani di 100:1 con qualche difficoltà.
Ogni calibrazione dipende dalla velocità ed è unica per il pezzo utilizzato per la calibrazione.

EQUILIBRATORI DINAMICI PER SOSPENSIONI RIGIDE

I bilanciatori dinamici delle sospensioni sono anche chiamati bilanciatori a cuscinetti duri. La sospensione rigida
L’equilibratore funziona a velocità inferiori alla frequenza di risonanza della sospensione e misura la forza
generato dal rotore in rotazione. L’ampiezza della vibrazione è molto ridotta e le forze centrifughe
potenzialmente molto grandi.

I bilanciatori a sospensione rigida utilizzano supporti di lavoro rigidi e sono in genere più facili e sicuri da usare. Utensili
può essere configurato per contenere quasi tutti i tipi di pezzi e non c’è alcuna restrizione che il centro di massa debba trovarsi in posizione verticale.
tra le culle, come spesso accade con le sospensioni morbide.

BILANCIATORI DI SOSPENSIONE QUASI-DURI o QUASI-SOFT

Tra le sospensioni rigide e morbide c’è una classe di apparecchiature di bilanciamento note come Quasi-Dure o Quasi-Morbide. Questi
I bilanciatori sfruttano la risonanza naturale per amplificare l’uscita e sfruttano un guadagno meccanico per aumentare la potenza.
sensibilità. Le prestazioni in questa regione possono essere non lineari e imprevedibili. Il controllo preciso della velocità è
necessario per preservare l’accuratezza della quantità e dell’angolo, poiché entrambi cambiano rapidamente alla risonanza. Con più
L’elettronica moderna consente di elaborare le uscite dei trasduttori con un guadagno adeguato, e questa regione è tipicamente
evitato a vantaggio di un campo di funzionamento più stabile.


Potresti essere interessato anche a: